LA NUOVA DETRAZIONE IRPEF RELATIVA ALL’ACQUISTO DI UNITA’ IMMOBILIARI

L’art. 1, comma 56, Finanziaria 2016 ha introdotto un’interessante agevolazione connessa con l’acquisto di unità immobiliari residenziali vendute da imprese costruttrici, riducendo il “peso” dell’IVA in capo all’acquirente. Il citato comma 56 dispone infatti che:

Ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, si detrae dall’imposta lorda, fino alla concorrenza del suo ammontare, il 50 per cento dell’importo corrisposto per il pagamento dell’imposta sul valore aggiunto in relazione all’acquisto, effettuato entro il 31 dicembre 2016, di unità immobiliari a destinazione residenziale, di classe energetica A o B ai sensi della normativa vigente, cedute dalle imprese costruttrici delle stesse.

La detrazione di cui al precedente periodo è pari al 50 per cento dell’imposta dovuta sul corrispettivo d’acquisto ed è ripartita in dieci quote costanti nell’anno in cui sono state sostenute le spese e nei nove periodi d’imposta successivi.

In particolare, in caso di acquisto di un’unità immobiliare residenziale di classe energetica A / B, ceduta dall’impresa costruttrice è possibile usufruire di una specifica detrazione IRPEF, pari al 50% dell’IVA relativa all’acquisto della stessa.

Per usufruire dell’agevolazione, l’unità immobiliare deve presentare le seguenti caratteristiche:

  • essere a destinazione residenziale. La disposizione in esame non pone alcuna ulteriore condizione. La detrazione spetta pertanto non solo per l’acquisto dell’unità immobiliare “prima casa” ma anche per l’acquisto della “seconda casa”, nonché per quella da investimento (da locare a terzi). Inoltre non assume rilevanza lo “status” dell’unità immobiliare la quale può essere “di lusso” o “non di lusso”;
  • conseguire prestazioni energetiche di classe A o B.